Chiudere
< Precedente

Cosa piantare?

Una pianta indigena per il mio giardino, ma quale? Una nuova piantumazione di specie locali e sostenibili per la rotonda del paese, ma quali? Dei fiori per i vasi del mio balcone, ma quali specie indigene sarebbero adatte? Una piantagione sostenibile e con specie dell’ambiente circostante al mio terreno, ma come posso fare?

Grünfläche

A seconda del luogo e della situazione, la scelta delle sementi e delle piante adatte non è sempre facile e richiede un’attenta selezione.

In un contesto in cui le specie autoctone sono sottoposte a una pressione crescente, l’uso di piante selvatiche autoctone è particolarmente sensato. L’uso di piante indigene è consigliato non solo per l’inverdimento di aree pubbliche, per la creazione di aree di compensazione ecologica nell’agricoltura o per la rinaturazione dei corsi d’acque, ma anche nei giardini privati e sui balconi.

Dal punto di vista della conservazione della natura, tuttavia, non tutte le specie selvatiche sono adatte per essere piantate o seminate. Sarebbe semplicistico considerare qualsiasi specie selvatica indigena come una buona scelta. Le piante autoctone «giuste» possono dare un contributo prezioso alla conservazione della natura, invece, la scelta di specie «sbagliate» può causare danni. Ma come distinguere una specie «buona» da una «cattiva»?

Destinatari e campi di applicazione

Per trovare le migliori raccomandazioni, gli strumenti e le informazioni aggiuntive, queste sono state suddivise in tre categorie: 1 privati (giardini e balconi privati), 2 produttori di sementi e piante, 3 pianificazione di spazi verdi nelle aree urbane, lungo le vie di comunicazione e nelle aree agricole.

Privati (pianificazione di giardini e balconi privati)

Una pianificazione accurata di giardini e balconi permette di contrastare il declino della biodiversità autoctona. Le piante indigene e regionali sono particolarmente importanti per favorire la (piccola) fauna. I consigli di InfoFlora per la scelta di piante e sementi adatte possono essere filtrati con lo strumento «Lista verde».


Missione B 

Nella primavera del 2019, la Radiotelevisione Svizzera lancia «Missione B – per una maggiore biodiversità». L’obiettivo è quello di mettere a disposizione della biodiversità, comprese ovviamente le piante, il maggior numero possibile di terreni. Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Produttori di piante e sementi

InfoFlora ha elaborato una lista di raccomandazioni denominata «Lista verde» (tedesco) che fornisce dei consigli dettagliati sull’uso di tutte le specie spontanee in Svizzera. Essa è stata creata in particolare per aiutare i produttori di piante e sementi nella scelta di specie vegetali adatte. La «Lista verde» si basa sulla Checklist, che comprende 4’700 taxa. Lo strumento «Lista verde» consente di filtrare questo elenco in modo mirato, in funzione alle regioni biogeografiche della Svizzera, ai tipi di piante, alle loro caratteristiche e alla loro disponibilità.

Le raccomandazioni sono disponibili anche sotto forma di lista completa. Per semplificare al massimo, le specie sono suddivise con dei colori. Le specie con sfondo verde possono essere utilizzate senza problemi e generalmente ovunque, a condizione che le piante siano di origine regionale. Le specie con sfondo rosso dovrebbero essere evitate. Le specie con sfondo arancione necessitano di un esame attento: la specie è presente nella mia regione? Devo tenere conto delle trappole tassonomiche? La specie è forse minacciata a livello regionale? Coloro che non hanno il tempo di approfondire la questione possono utilizzare la lista corta (ovvero la lista delle specie con sfondo verde).

Gärtnerei

Il principio più importante quando si utilizzano le piante selvatiche è il seguente: locale è sempre meglio! Idealmente, quindi, si dovrebbero utilizzare solo piante che si possono trovare anche nelle immediate vicinanze, coltivate a partire da semi che provengono dalla regione. Tuttavia, spesso non è possibile ottenere tali piante e molti vivai possono offrire solo una gamma limitata di piante di origine regionale o locale.

In breve: l’ideale è di piantare specie decorative, indigene e non minacciate, di origine regionale. Per maggiori informazioni, consigliamo di leggere questo PDF (tedesco).

Pianificazione di spazi verdi in contesto urbano, lungo le vie di comunicazione o in superfici agricole

I metodi di semina

L’obiettivo della semina con sementi regionali è quello di preservare la diversità genetica, le specie e gli ecotipi adattati alle condizioni locali.
Esistono due approcci possibili:

  • Utilizzare miscele di sementi contenenti ecotipi regionali. Le specie contenute nelle miscele offerte sul mercato devono provenire dalla stessa regione in cui verranno utilizzate. Si vedano le raccomandazioni sulla raccolta, la moltiplicazione e l'utilizzo di sementi di piante selvatiche.
  • Eseguire l’inerbimento diretto utilizzando un prato fonte vicino alla superficie da seminare.


Grünfläche

 
Ulteriori informazioni sono disponibili sul portale RegioFlora – il portale per la promozione della diversità dei prati. Esso si rivolge a tutti coloro che sono interessati all’inerbimento diretto di prati e pascoli: agricoltori, servizi dell’agricoltura, servizi della protezione della natura, uffici di consulenza ambientale, ingegneri dell’ambiente, biologi e altre persone interessate.


Raccomandazioni piante e sementi

Le raccomandazioni per la produzione e l’uso di sementi e piante selvatiche indigene, pubblicata la prima volta nel 1994, hanno lo scopo di conservare la diversità biologica e genetica della nostra flora naturale. Esse si basano principalmente su due punti:

  • Le sementi o le piante usate devono provenire dalla stessa regione biogeografica dove si trova la parcella finale.
  • Le esigenze ecologiche delle specie utilizzate devono coincidere con quelle del sito da rinverdire.

È anche importante che le miscele di sementi non contengano specie rare o minacciate (vedi Lista Rossa 2016), né di specie con una distribuzione discontinua, onde evitare qualsiasi alterazione della flora. L’area di distribuzione naturale delle specie va mantenuta e bisogna evitare d’introdurre delle specie in regioni laddove erano assenti.

Quando si raccolgono semi da una popolazione naturale, è fondamentale non mettere in pericolo la popolazione stessa. Per mantenere la diversità genetica, è importante raccogliere abbastanza materiale e non selezionare individui particolari. È anche importante non selezionare gli individui durante la riproduzione.

Saatgut

Sul portale di RegioFlora sono disponibili ulteriori informazioni.

Per trovare piante e sementi adatte, puoi filtrare le raccomandazioni di InfoFlora utilizzando lo strumento «Lista verde».

Per ulteriori informazioni sulla coltivazione e l’utilizzo di piante selvatiche e sementi autoctone, consultare il PDF.


Raccomandazioni per la produzione e l'uso delle piante selvatiche

Strumento lista verde

Lo strumento «Lista verde» consente di filtrare le raccomandazioni di InfoFlora in modo mirato, in base alle regioni biogeografiche della Svizzera, ai tipi di piante, alle loro caratteristiche e alla loro disponibilità.

Ecco come procedere:

1. Seleziona la regione biogeografica cliccandoci sopra
2. Scegli il tipo di pianta desiderata
3. Seleziona altri criteri desiderati

La «Lista verde» viene quindi filtrata in base ai tuoi criteri e vengono suggerite le specie adatte alle tue esigenze. È possibile scaricare questa selezione alla voce «Esportazione CSV».