Chiudere
< Precedente

Neofite invasive

Introduzione e definizioni

Le piante esotiche invasive sono specie non indigene (provenienti in generale da altri continenti) introdotte intenzionalmente o accidentalmente. Esse riescono a stabilirsi in natura, riproducendosi e diffondendosi in modo importante a scapito delle specie indigene. Secondo l’UICN le specie esotiche invasive sono la seconda causa di diminuzione delle diversità biologica a livello mondiale. L’articolo 8h) della Convenzione sulla Diversità Biologica sostiene la prevenzione contro l’introduzione di nuove specie invasive e il controllo, o l’estirpazione, di quelle già stabilite.

Molte organizzazioni internazionali si preoccupano dell’argomento come anche una grande parte dei paesi europei. Per più informazioni andare alla rubrica link utili

In Svizzera le neofite invasive sono un reale pericolo per la diversità biologica e per questo motivo si stanno moltiplicando le attività legate a queste specie, come l’informazione, la sensibilizzazione, la gestione e la lotta. Grazie all’Ordinanza sull’utilizzazione di organismi nell’ambiente, (OEDA, RS 814.911) riesaminata e in vigore dal 2008, la Svizzera vuole proteggere l’uomo e l’ambiente dai danni causati dall’emissione deliberata di organismi esotici.

Impatiens glandulifera: la balsamina ghiandalosa invade velocemente i bordi del corso d’acqua, qui ai Yvonnand, VD
Foto: Sibyl Rometsch 

Osservazioni:

  • Non tutte le neofite sono invasive. Infatti, la flora svizzera conta ca. 900 neofite ma attualmente solo 57 sono elencate sulla lista delle neofite invasive o potenzialmente invasive.
  • Ci sono pure delle piante indigene che possono dimostrarsi localmente invasive e che vengono considerate come piante non desiderate (per esempio il senecione serpeggiante o il senecione di San Giacomo, il cardo campestre, il romice comune, ecc.).

Materiale d'informazione:

  • Schede d'informazione: Per le specie incluse nella lista delle piante neofite invasive (Lista nera e Watch list) esistono delle schede d’informazione. Queste contengono una descrizione della specie, alcuni dettagli sulla biologia, i meccanismi di moltiplicazione, la distribuzione in Svizzera, i pericoli, le misure di prevenzione e di lotta. Schede d’informazione
  • Posters informativi: Per delle esposizioni o dei corsi, dei posters sono a vostra disposizione. Potete prenderne una copia plastificata in prestito gratuitamente a Info Flora oppure chiedere i documenti con una buona risoluzione affinché possiate stamparli fino ad un formato A0 (brigitte.marazzi[at]infoflora.ch).
  • PDF corso neofite: È disponibile il materiale del corso sulle neofite invasive all’attenzione dei professionisti del “ramo verde” su mandato di Jardin Suisse). Consulta anche le nostre proposte di corsi attuali sul tema delle neofiteCorso sulle neofite
  • Altra documentazione: Rapporto stilato al termine di tre Workshop nei quali si sono riuniti i rappresentanti di diversi settori dell’amministrazione, dell’economia e i rappresentanti di organizzazioni private o pubbliche: Rapporto 2005

Basi legali relative alle neofite invasive

Strategia Neobiota Svizzera

La strategia della Svizzera per le specie esotiche invasive (UFAM 2016) descrive e concretizza i regolamenti nazionali e gli obblighi internazionali relativi alle specie esotiche invasive e definisce le misure da intraprendere. Fornisce inoltre una panoramica dettagliata delle tratte internazionali, delle leggi e delle ordinanze federali che regolano direttamente o indirettamente il trattamento delle specie invasive di tutti i gruppi d'organismi. 

 

Basi legali in Svizzera

Riassunto delle basi legali in relazione alle neofite invasive

 

Ordinanza sull’utilizzazione di organismi nell’ambiente, OEDA, Art. 1, 2, 3, 4 (Autocontrollo), 5 (Informazioni degli acquirenti), 6 (Diligenza), 15 a-f, 16, 49, 51 (Monitoraggio), Allegato 2 (Organismi alloctoni invasivi vietati).

L'Ordinanza sull’utilizzazione di organismi nell’ambiente (OEDA, in vigore dall’ottobre 2008, revisione del 2020) definisce gli organismi alloctoni e regola l’utilizzazione di organismi alloctoni nell’ambiente. Le disposizioni generali sono la protezione dell’essere umano, degli animali, dell’ambiente e della diversità biologica. L’obbligo di diligenza durante l’utilizzazione di questi organismi alloctoni, il controllo autonomo e l’obbligo d’informare gli acquirenti sono stati ampliati.

Gli organismi alloctoni invasivi sono definiti nell’Ordinanza. Ogni specie che potrebbe causare danni o essere invasiva rientra nell’obbligo di diligenza, di controllo autonomo e d’informazione dell’acquirente. Tutte le specie della Lista nera e della Watch-List rientrano così nella OEDA e la loro utilizzazione e messa in commercio deve essere eseguita in modo da non causare danni. Funge da riferimento la raccomandazione del Cercle Exotique (ex-AGIN), nella quale "sono elencate le piante per le quali, dal punto di vista del Cercle Exotique, risulta difficile affermare in una conclusione motivata che non ci si possano aspettare pericoli e pregiudizi, neanche utilizzando tali organismi secondo le prescrizioni e le istruzioni date".

L’Ordinanza vieta anche l’uso diretto nell’ambiente di alcuni organismi esotici che, oltre alla loro forte capacità di diffondersi, provocano ulteriori danni (alla salute, all’economia, ecc.). Vedere la lista degli organismi alloctoni invasivi vietati, allegato 2 dell’OEDA. Queste specie non possono quindi essere vendute, ma molte altre neofite invasive possono ancora essere vendute. Tuttavia, un rafforzamento della base giuridica è attualmente in corso (revisione della legge sulla protezione dell'ambiente). 

 

Legge federale sulla protezione dell’ambiente, LPAmb, Art. 1 e 29a. Questa legge stabilisce che chiunque utilizzi degli organismi deve garantire che questi non costituiscano una minaccia per l’uomo o per l’ambiente e che non danneggino la diversità biologica. È attualmente in corso una revisione di questa legge.

Ordinanza sul libro dei prodotti destinati all’alimentazione animale, OLAIA, allegato 10 (i semi di Ambrosia spp. sono indesiderati, e vengono controllati negli alimenti per animali).

Ordinanza sulla protezione dei vegetali da organismi particolarmente pericolosi, OSalV, Art. 18 (Sorveglianza della situazione fitosanitaria), 104 (Servizi cantonali), 110 (Disposizioni transitorie). L’ambrosia figura come organismo particolarmente pericoloso: è richiesto di annunciare le stazioni e di lottare contro di essa. La lotta all’ambrosia è valevole fino al 31 dicembre 2023 (disposizione transitoria).

Ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell'utilizzione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi, ORRPChim, allegato 2.5 (Divieti e limitazioni). La seguente ordinanza definisce dove i prodotti fitosanitari non possono essere utilizzati (es. nel bosco, su e lungo le strade, sentieri, ecc.).

 

Basi legali a livello europeo

Elenco dell'Unione

Regolamento Europeo

Art. 4 Elenco delle specie esotiche invasive di rilevanza unionale.
6. [...] Nell'elenco dell'Unione figurano in via prioritaria le specie esotiche invasive che:

a) non sono ancora presenti nell'Unione o la cui invasione è in fase iniziale e che molto probabilmente avranno un effetto negativo significativo;

b) sono già insediate nell'Unione e hanno l'effetto negativo più significativo.

Elenco dell’Unione delle specie invasive (15/08/2019)

Gestione: lotta e controllo

La gestione delle neofite invasive e le rispettive misure di lotta servono a prevenire, contenere o eliminare gli impatti negativi (danni) per le quali sono state valutate come invasive o potenzialmente invasive. Benché l’eliminazione completa di una specie (eradicazione) non è sempre possibile, prevenire ed evitare un’ulteriore diffusione è indispensabile per contenere l’entità dei danni.

Prima conviene sempre! Più si rimanda l’adozione di misure, più onerosa e costosa sarà la lotta (Fig.1).

Ogni gestione e misura di lotta ha un suo obiettivo (eradicazione, stabilizzazione/contenimento o diminuzione, monitoraggio) che deve essere definito tenendo conto degli interessi dei proprietari terrieri e dell'impatto sulla biodiversità e sull’ambiente in generale. Le raccomandazioni generali riguardanti le misure di lotta sono raccolte nelle schede informative di Info Flora delle rispettive specie invasive.

La Strategia nazionale per le specie esotiche invasive (UFAM 2016) descrive il quadro generale della gestione e le misure di lotta da adottare.

  • I tempi, gli spazi e i metodi delle misure di lotta contro le specie esotiche invasive devono essere scelti in base alle caratteristiche specifiche della specie.
  • La definizione dell’obiettivo della lotta dipende dalla disponibilità e dalle modalità di azione delle misure nonché dallo stadio di diffusione della specie.
  • Occorre inoltre tener conto degli effetti su organismi non bersaglio e sull’ambiente, delle possibilità di ricomparsa e reintroduzione dopo l’attuazione delle misure nonché di eventuali cambiamenti locali.
  • Le misure contro la diffusione di specie esotiche invasive generano costi, ma i potenziali danni causati da specie esotiche invasive li possono superare ampiamente.

Fig.1 Le fasi della dinamica delle invasioni in relazione con la gestione e le misure di lotta e i rispettivi costi (tratto da A. Gigon & Weber E. 2005: Invasive Neophyten in der Schweiz: Lagebericht und Handlungsbedarf. Rapporto della SKEW/CPS all’attenzione dell’UFAFP, pag. 19).

Per l’attuazione delle misure di lotta secondo la strategia:

  • La Confederazione elabora strategie di lotta specifiche per specie esotiche invasive selezionate nonché per habitat particolarmente minacciati. A tale scopo, la Confederazione ha elaborato uno schema di classificazione per differenziare, in ordine di priorità, i vari gruppi di specie esotiche secondo la loro invasività e il bisogno d’intervento. Tale classificazione è attualmente in corso.
  • La Confederazione, i Cantoni, i Comuni nonché i proprietari e i gestori di fondi adottano autonomamente misure di lotta secondo le disposizioni giuridiche e gli obiettivi, fondandosi sulle raccomandazioni generali che scaturiscono da studi scientifici.
    Tali raccomandazioni generali per le neofite invasive sono raccolte nelle schede informative di Info Flora delle rispettive specie. Diversi Cantoni e Comuni mettono a disposizione delle schede pratiche.
  • I servizi specializzati cantonali ordinano l’attuazione di misure di lotta contro specie esotiche invasive.

 

.

La gestione e l’attuazione di metodi di lotta consiste in vari aspetti da considerare, che possono variare da specie a specie (vedi schede delle specie invasive). Di seguito una sintesi generale:

Precauzioni da prendere
Prima di qualsiasi intervento, informarsi sui possibili rischi per la propria salute (polline allergenico, peli urticanti, linfa tossica, ecc), proteggersi adeguatamente (guanti, occhiali di protezione e maschera respiratoria) oppure valutare se rinunciare all’intervento se inclini alle allergie.

Misure preventive
Tali misure si applicano in particolare alle specie invasive apprezzate quali ornamentali da privati e giardinieri, nel caso di esemplari (o popolazioni) per i quali non si intraprende una lotta. Si raccomanda di tagliare le infiorescenze prima della fruttificazione (!), di evitare la propagazione vegetativa incontrollata, come pure di trasportare e smaltire correttamente i relativi scarti vegetali.

Metodi di lotta
La scelta del metodo di lotta dipende dalla base giuridica (lotta chimica o meccanica), dalla velocità di successo necessaria (a più o meno corto termine), dalla fattibilità (superficie e densità della popolazione, accesso), dalle risorse finanziarie (finanziamenti, materiale) e dal tempo a disposizione (stagione, possibilità di ripetere l'intervento). I metodi di lotta sono descritti nelle schede informative delle specie invasive.

Controlli
Qualsiasi metodo di lotta deve prevedere un periodo di controllo dei ricacci, dei polloni (riproduzione vegetativa) e/o dell’apparizione di nuove piantine dalla banca dei semi creata dalla specie (riproduzione sessuale). Poiché la banca dei semi di alcune specie può persistere per più anni nel terreno è indispensabile un controllo prolungato su diversi anni, per non dover ricominciare da zero.

Gestione integrata
In alcuni casi, vale la pena di favorire una strategia di gestione integrata, dove nelle aree trattate si favorisce il rinverdimento e la crescita di piante desiderabili. Si evita così di lasciare il suolo nudo che sarebbe facilmente colonizzabile dalla specie indesiderata (banca dei semi presente nel terreno) e/o dai semi di altre specie invasive.

Smaltimento del materiale vegetale
In ogni intervento di lotta occorre prevedere il corretto smaltimento degli scarti vegetali. In generale, possono essere compostati in giardino unicamente le parti vegetali che non sono in grado di riprodursi (né sessualmente, né vegetativamente)! Gli scarti in grado di riprodursi (infiorescenze, frutti, fusti e radici) devono essere eliminati in impianti professionali di compostaggio e di fermentazione oppure di incenerimento dei rifiuti (IN NESSUN CASO nel compostaggio in giardino), evitando di disperderli in qualsiasi momento (durante il trasporto, lo stoccaggio e lo smaltimento). Ricordiamo che scaricare e depositare i rifiuti del giardino in aree non controllate (per esempio nei boschi) è illegale.

Segnalazione della lotta
Info Flora mette a disposizione gratuitamente InvasivApp e il Taccuino neofite invasive quali strumenti per segnalare le neofite invasive e potenzialmente invasive, per registrare gli interventi di lotta e di monitoraggio come pure per visualizzare i dati presenti. Nella rubrica “bilancio” dedicata alla lotta e al monitoraggio occorre segnalare l’evoluzione della popolazione. Occorre quindi indicare anche l’eradicazione della popolazione, per esempio, quando non compare più nessun’individuo durante i controlli e l’intervento può venir considerato concluso. Senza quest’ultima segnalazione, in banca dati come pure sul Taccuino neofite invasive, la lotta continuerà ad apparire come se fosse in corso e/o inconclusa.

Sorveglianza/monitoraggio
Sorvegliare o monitorare il territorio (oppure il luogo dove si è concluso un intervento di lotta) è fondamentale per identificare al più presto la formazione di nuovi insediamenti di neofite invasive. Si possono così subito adottare delle ulteriori misure per evitarne la diffusione e contenere i costi di gestione.

Ognuno di noi può fare qualcosa! Più attori sono coinvolti e coordinati nella lotta, più risultano efficaci le azioni individuali e il risultato sarà ottimale (e di riflesso si riducono i costi di lotta).

Di seguito elenchiamo alcune raccomandazioni (N.B.: la lista non ha la pretesa di essere esaustiva e le raccomandazioni non hanno alcun valore giuridico).

Premessa
Il presupposto per adottare qualsiasi misure di lotta autonomamente è avere delle nozioni di base sul tema. La comprensione del tema e della sua complessità aiuta ad affrontarlo con maggiore consapevolezza delle possibilità di successo e a diminuire il rischio di frustrazioni.
Tra le nozioni di base, per esempio, sarebbe auspicabile conoscere il significato di neofita, la differenza tra neofita e neofita invasiva, avere un’idea delle basi legali principali e sapere dove trovare le liste attuali delle neofite invasive della Svizzera, le informazioni al riguardo e i contatti utili.
Per approfondire il tema è sempre possibile partecipare ad un corso o a degli eventi informativi. Info Flora organizza un corso base annuale di formazione per imparare a riconoscere le principali specie invasive e sapere come gestirle (vedi corsi di formazione di Info Flora). Anche Cantoni, Comuni e altri enti pubblici e privati offrono corsi ed eventi informativi sulle neofite invasive.

Partecipazione ad azioni e progetti di lotta alle neofite invasive
Vale la pena di informarsi presso il proprio Comune e/o Cantone e presso associazioni locali e/o associazioni naturalistiche/ambientali sull’esistenza di azioni e progetti di lotta alle neofite invasive rivolti alla popolazione.
Vedi la nostra pagina dei contatti utili.

Giardini privati (proprietà privata)
Ogni cittadino può adottare autonomamente misure di lotta nel proprio giardino secondo le disposizioni giuridiche e gli obiettivi. Si ricorda che vige anche la ‘regola di buon vicinato’, Art. 687 del Codice Civile Svizzero.

Raccomandazioni generali*:

  • Consultare l’opuscolo informativo sulla vendita di neofite invasive del Cercle Exotique prima (!) di qualsiasi acquisto e/o messa a dimora; alcune specie sono vietate in Svizzera!
  • Rinunciare volontariamente all’acquisto e alla piantumazione di specie esotiche invasive e chiedere al proprio giardiniere o architetto paesaggista di rispettare questa decisione. Preferire l’acquisto e la messa a dimora di specie indigene, ideali per la fauna locale (insetti, uccelli, mammiferi, ecc.).
  • Adottare misure preventive nel caso di esemplari ornamentali: tagliare le infiorescenze prima della fruttificazione (!), evitare la propagazione vegetativa incontrollata, trasportare e smaltire correttamente i relativi scarti vegetali.
  • Adeguare le pratiche di gestione corrente per evitare di creare condizioni favorevoli all’insediamento di specie neofite invasive. Per esempio, evitare di tagliare i prati fioriti o da sfalcio fino al suolo (soprattutto mai farlo in periodi siccitosi!), ma rimanere preferibilmente ad almeno 10 cm di altezza affinché il suolo rimanga ombreggiato e le specie prative non muoiano “bruciate” dallo stress idrico, lasciando spazi vuoti e luminosi favorevoli all’insediamento di neofite invasive.
  • Informarsi presso il proprio Comune e/o Cantone su eventuali azioni o progetti di lotta alle neofite invasive organizzate nel proprio Comune e/o per ricevere eventuali schede pratiche e altre informazioni.
  • Coinvolgere e collaborare con i proprietari vicini in maniera costruttiva e positiva, per aumentare il valore delle iniziative individuali contro le specie neofite invasive, fungendo da moltiplicatore.
  • Per maggiori informazioni consultare le schede informative di Info Flora o le schede pratiche messe a disposizione dal proprio Comune/Cantone.

Opuscolo informativo sulla vendita di neofite invasive

Verde pubblico (Comuni, Cantoni, enti pubblici, ecc.)
Secondo la Strategia nazionale per le specie esotiche invasive (UFAM 2016), Cantoni e Comuni adottano autonomamente misure di lotta contro le specie esotiche invasive seguendo le disposizioni giuridiche e gli obiettivi, e i servizi specializzati cantonali ordinano l’attuazione delle misure di lotta.

Raccomandazioni generali*:

  • Consultare i servizi specializzati cantonali e/o il Cercle Exotique per coordinare gli sforzi di gestione e di lotta nelle superfici verdi pubbliche; molti Cantoni possiedono delle Strategie cantonali per le specie esotiche invasive. Inoltre, è possibile sviluppare un ‘piano di gestione delle neofite invasive’ a livello comunale.
  • Dare il buon esempio, rinunciando all’acquisto e alla piantumazione di specie esotiche invasive, informando i propri servizi cantonali/comunali incaricati del verde pubblico di questa decisione. Selezionare specie indigene, ideali per la fauna locale (insetti, uccelli, mammiferi, ecc.).
  • Adottare misure preventive per esemplari di neofite invasive ornamentali: tagliare le infiorescenze prima della fruttificazione (!), evitare la propagazione vegetativa incontrollata, trasportare e smaltire correttamente i relativi scarti vegetali. Sostituire gli esemplari di specie esotiche invasive vietate. Per le specie non vietate, non è necessario sostituire gli esemplari se si garantisce di adottare le misure preventive.
  • Adeguare le pratiche di gestione corrente per evitare di creare condizioni favorevoli all’insediamento delle specie esotiche invasive. Per esempio, evitare di tagliare zone prative e margini di strada prativi fino al suolo (soprattutto mai farlo in periodi siccitosi!), ma rimanere ad almeno 10 cm di altezza affinché il suolo rimanga ombreggiato e le specie prative non muoiano “bruciate” (stress idrico) lasciando spazi vuoti e luminosi favorevoli all’insediamento di neofite invasive.
  • Coinvolgere e collaborare con i comuni vicini in maniera costruttiva e positiva, per aumentare il valore delle iniziative individuali contro le specie neofite invasive e fungere così da moltiplicatore.

Per maggiori informazioni consultare le schede informative di Info Flora o le schede pratiche messe a disposizione dal servizio specializzato del proprio Cantone.

In agricoltura
La problematica delle specie neofite invasive e potenzialmente invasive concerne anche il settore agricolo (di competenza dell’Ufficio federale dell’agricoltura, UFAG) in particolare nel caso dei pagamenti diretti (vedi Ordinanza sui pagamenti diretti 2021).
In generale, valgono gli stessi principi e raccomandazioni presentati sopra.
Per maggiori informazioni sulle neofite invasive in ambito agricolo si consiglia di contattare i rispettivi servizi di consulenza agricola cantonali e/o i servizi specializzati cantonali che si occupano delle specie esotiche invasive (vedi la nostra pagina dei contatti utili).
Informazioni sulla lotta alle neofite invasive si trovano nelle schede informative di Info Flora e anche nelle schede pratiche messe a disposizione dal servizio specializzato del proprio Cantone.

*La lista di raccomandazioni non ha la pretesa di essere esaustiva e le raccomandazioni non hanno alcun valore giuridico.

Valutazione del potenziale invasivo

Nel 2001, su mandato della Confederazione, un gruppo d’esperti e botanici del campo hanno definito le prima lista di neofite invasive in Svizzera. La CPS (Commissione svizzera delle piante selvatiche) ha fondato nel 2005 un “Gruppo di lavoro neofite invasive svizzere”. Questo gruppo ha elaborato una chiave di classificazione che permetteva di decidere se una specie dovesse essere aggiunta o no a una delle due liste (Weber et al., Botanica Helvetica 115).

Nel 2013, un gruppo d’esperti ha sviluppato un catalogo di criteri (in F, o vedi sito in D) basato sulla chiave di classificazione e su dei fatti concreti (dati di campo e letteratura). Info Flora ha riunito più volte il piccolo gruppo d’esperti composto da Serge Buholzer (Agroscope e membro dell'EPPO), Michael Nobis (WSL), Nicola Schoenenberger (allora Museo cantonale di storia naturale, Lugano, oggi Innovabridge Foundation), Sibyl Rometsch (Info Flora) e Gian-Reto Walther (UFAM).

85 specie che si conoscono o di cui si sospetta avere un comportamento invasivo sono state analizzate grazie al catalogo dei criteri. La valutazione è stata realizzata da esperti, indipendentemente dall’UFAM. Attualmente 41 specie fanno parte della Lista Nera (Black List o BL, stato agosto 2014) e 16 specie della Lista d’osservazione (Watch List o WL, stato agosto 2014).

In futuro un gruppo d’esperti allargato si riunirà regolarmente per controllare le liste grazie a delle nuove conoscenze ed esperienze. Uno sguardo speciale sarà dato alle specie scartate dalle liste, alle specie con poche informazioni e a delle nuove specie dubbiose in più di quelle presenti nelle liste. Questa lista di lavoro è composta attualmente da 112 specie, includendo quelle delle liste attuali.

Catalogo di criteri

Prevenzione e riconoscimento precoce

Ogni anno si aggiungono nuove specie esotiche alla nostra flora. La maggior parte di loro non si comporta affatto in maniera invasiva! Anzi, non è nemmeno detto che riescano a stabilirsi.

Per capire però correttamente il loro comportamento nel nuovo ambiente è comunque importante documentarle, soprattutto se si trovano in mezzo alla natura, lontane dai giardini.

Per scoprirle ci vuole un occhio attento e spirito scientifico. In effetti, può capitare a chiunque di imbattersi in una pianta sconosciuta e che non si lascia identificare nemmeno con le chiavi di identificazione più recenti. Un primo possibile nome si può trovare magari nelle flore dei paesi limitrofi o grazie a internet. E se questo nome non si trova ancora sul sito di Info Flora? Potrebbe essere una nuova specie per la Svizzera. 

 

Cosa devo fare nel caso di una ‘nuova’ specie scoperta? 

-> Linee guida: campionare una nuova specie esotica


Cosa succede dopo che una nuova specie esotica è stata segnalata? 

 

-> Presentazione (Video, 2021): Dall'arrivo all'informazione (7 min.) - in tedesco ma con diapositive bilingue F/D

 

-> Presentazione (Powerpoint, 2020): Valutazione di organismi esotici - in tedesco

 

A livello nazionale
UFAM Ufficio federale dell'ambiente, Le specie esotiche invasive possono causare danni all’ecologia, alla salute e all’economia. La Confederazione ha il compito di disciplinare l’impiego di questi organismi e, congiuntamente ai Cantoni, di coordinare la gestione delle specie interessate a livello federale, intercantonale e internazionale.
AGROSCOPE Amministrazione Federale, Paesaggio agricolo e biodiversità (solo in D/F): Le neofite invasive
CERCLE EXOTIQUE Nel 2019, il Cercle Exotique è stato istituito come organizzazione succeduta ad AGIN e piattaforma di esperti neobiota cantonali. L'obiettivo del CE è di sostenere i Cantoni nei loro compiti nell'ambito dell'ordinanza sull'emissione deliberata nell'ambiente nel settore delle specie esotiche invasive.
CFSB Commissione federale per la sicurezza biologica: Opuscolo informativo su come riconoscere e gestire le specie vegetali alloctone invasive
GLOBE Attraverso indagini sul campo svolte da loro, gli scolari (e altre persone interessate) imparano a conoscere le neofite invasive e la loro diffusione. Le neofite invasive e la loro complessa problematica offrono opportunità per approcci transdisciplinari, intorno a temi quali la biodiversità, l'utilizzo del territorio, i mutamenti climatici, la protezione della natura e la sicurezza: Neofite invasive
SCEE Piattaforma d'informazione energia-ambiente dei cantoni romandi (Services cantonaux de l’énergie et de l’environnement): Plantes exotiques
WSL Infomazioni per la pratica forestale: La presenza di piante neofite invasive nelle foreste
JARDIN SUISSE Unternehmerverband Gärtner Schweiz (nur D/F): Umweltschutz - Invasive Neophyten
NEOPHYT.ch Informationsseite Invasive Neophyten (nur D): www.neophyt.ch

 

A livello cantonale
Aargau Departement Gesundheit und Soziales, Chemie- & Biosicherheit: Neobiota
  Naturama: Neophyten in Naturschutzgebieten
Appenzell-Ausserrhoden Amt für Landwirtschaft, Abteilung Beratung und Pflanzenschutz; Fachstelle Pflanzenschutz/Problempflanzen: Invasive Neophyten
Appenzell-Innerrhoden Verwaltung, Dienstleistungen: Neophyten
Basel-Landschaft Bau und Umwelt, Sicherheitsinspektorat: Allgemeine Informationen zu Neobiota
Basel-Stadt Bau- und Verkehrsdepartement: Stadtgärtnerei > Invasive Neophyten
Bern Direction de l’économie, de l'énergie et de l'environnement, Laboratoire cantonal: Néophytes envahissantes
Freiburg Service de la nature et du paysage SNP: les néophytes dans le canton du Fribourg
Genève Territoire et environment > Nature: Page d’information sur les espèces exotiques envahissantes
Glarus Natur und Landschaftsschutz: Neophyten
  Naturzentrum Glarnerland: Invasive Neophyten
Graubünden Amt für Natur und Landschaft: Invasive Neophyten
Jura Office de l'environnement, Protection de la nature et du paysage: Espèces exotiques envahissantes
Luzern LAWA Luzern, Landwirtschaft und Wald: Problempflanzen
  ublu – Umweltberatung Luzern: Neophyten - Exotische Problempflanzen
Neuchâtel Service de la Nature: Espèces exotiques envahissantes (infos générales, cartographie, groupe de travail GRINE, etc.)
Nidwalden Fachstelle für Natur- und Landschaftsschutz: Neophyten-Bekämpfung
Obwalden Amt für Landwirtschaft und Umwelt: Invasive Neophyten
Schaffhausen Interkantonale Labor: Neophyten
Schwyz Amt für Umweltschutz, Neobioten: Invasiven Neophyten
Solothurn Amt für Landwirtschaft, Pflanzenbau (Bildungszentrum Wallierhof): Neophyten – Bekämpfung und Kontrolle
St. Gallen Informationen zu Natur, Jagd und Fischerei: Invasive Neophyten
Thurgau Amt für Umwelt, Anlagensicherheit und Neobiota: Neophyten
Ticino Organismi patogeni, invasivi o geneticamenta modificati: Gruppo di lavoro neobiota
  Sezione dell'agricoltura: Servizio fitosanitario
  Museo cantonale di storia naturale: Specie esotiche spontanee e invasive
Uri Amt für Umweltschutz: Neobiota
Valais Nature et paysage: Plantes envahissantes
Vaud Division biodiversité et paysage: Plantes exotiques envahissantes
Zug Amt für Umweltschutz: Neobiota-Neophyten
Zürich Amt für Abfall, Wasser, Energie und Luft: Invasive Neobiota
  Arten im Kanton Zürich melden: Das können Sie tun
 

 

A livello internazionale
CABI A not-profit science-based development and information organization. Development and research on managing invasive species.
  Invasive Species
CBD Invasive alien species (IAS) are species whose introduction and/or spread outside their natural past or present distribution threatens biological diversity: Informations "What are Invasive Alien Species"
Schweizer Regierung Internationales Recht: Übereinkommen vom 5. Juni 1992 über die Biologische Vielfalt
IUCN/ISSG Invasive Species Specialist Group
  Publications ISSG: 100 of the World's Worst Invasive Alien Species
  GISD, Global Invasive Species Database
GISIN Global Invasive Species Information Network
UN United Nations: Decade of Biodiversity