conservazione ex situ & introduzione

Raccomandazioni per la conservazione ex situ e l'introduzione di piante minacciate (FR)

 

Introduzione al tema

La coltivazione e la conservazione delle piante selvatiche minacciate fuori dal loro ambiente naturale (ex situ) rappresenta un mezzo per prevenire l'estinzione delle specie. Secondo la situazione, le specie moltiplicate ex situ possono essere introdotte nuovamente nel loro ambiente naturale. Nonostante ciò, questa procedura non dovrebbe in nessun caso sostituire delle misure di conservazione delle popolazioni esistenti in natura (in situ). Ad ogni modo, le misure in situ, la conservazione ex situ e l’introduzione* si complementano spesso.

La strategia mondiale per la conservazione delle piante, GSPC, che la Svizzera ha ratificato nel quadro della Convenzione sulla Biodiversità Biologica, CBD, prevede che il 75% delle specie minacciate siano conservate ex situ e che il 20% di queste rimangano disponibili per dei programmi di introduzione.

Sostenute da queste esigenze legali e in ragione della situazione concreta delle specie in situ, la conservazione ex situ e l’introduzione delle piante selvatiche minacciate nei loro ambienti naturali sono vieppiù utilizzate anche in Svizzera da alcuni anni.

Le seguenti pagine contengono dei consigli pratici e delle raccomandazioni per la raccolta di semi nelle popolazioni di piante selvatiche indigene minacciate in Svizzera, la loro conservazione ex situ e la loro introduzione. Le raccomandazioni sono basate sulle 'IUCN Guidelines' (linee direttive della UICN), sulla legislazione svizzera, sulle conclusioni del congresso su questo tema che si è tenuto a Berna nel 2015, e sulla letteratura e l'esperienza pratica.

Nell'elaborazione delle raccomandazioni sono stati coinvolti particolarmente gli esperti del Conservatoire et Jardin botaniques de la Ville de Genève (CJB), dell’Institute of Plant Sciences (IPS) dell’università di Berna e di Info Flora.

 

*Introduzione : questo termine riunisce i rinforzi di populazioni esistenti, la reintroduzione di popolazioni nella loro area di distribuzione storica e la nuova introduzione fuori dalla loro area di distribuzione storica.