Descrizione


Scorpidio-Utricularietum minoris Müller et Görs 1960

Syn. : Scorpidio-Utricularietum (Ilschner 59 mskr.) Müller et Görs (orig.) ; Utricularietum minoris-intermediae den Hartog et Segal 1964 (nom. nud., art. 2b) ; Utricularietum minori-intermediae Pietsch 1964 (nom. nud., art 2b) ; Utricularietum intermedio-minoris Pietsch 1964 ex Krausch 1968.

Comunità emisciafila caratterizzata da Utricularia minor, associata a Scorpidium scorpioides e (talvolta) a U. intermedia, eventualmente accompagnate da Calliergon giganteum e da alghe a candelabro (Characeae) quali Chara vulgaris, Nitella confervacea o N. tenuissima. Colonizza solchi e depressioni nelle paludi, rive di stagni, piccoli laghi, vecchie cave di ghiaia e bracci morti alimentati da acque sotterranee; in acque oligotrofe o mesotrofiche (10 < Ptot < 40 µg/l), leggermente acide o leggermente basiche (pH = 6-7.5), povere di ossigeno, talvolta brune per la presenza di acidi umici, trasparenti, poco profonde (0,05 < p < 0.2 m), permanenti o soggette a prosciugamento a fine estate; su substrato argilloso che non secca mai in profondità (il tappeto di muschi e gli affioramenti di falda mantengono una certa umidità). Comunità pioniere che evolve verso le comunità del Caricion lasiocarpae e del Magnocaricion elatae in caso d'interramento o verso le comunità del Lemnetea minoris o del Potametea pectinati in caso di eutrofizzazione. Plan.-coll. (mont. inf.)

. .

Lista delle specie


Frequenza / Dominanza Nome scientifico Nome italiano
V Utricularia minor L.Erba vescica minore
IV Utricularia intermedia HayneErba vescica intermedia
I Juncus bulbosus L.Giunco bulboso

Muschi

VScorpidium scorpioides (Hedw.) Limpr.
  • Legenda
    cCH
    aF
    oCH
    oDi
    alCHd
    alCH
    alDi
    ssalCH
    ssalDi
    aCHd
    aCH
    aDi
    CH
    Di
    rCH
    hs
    w
    V
    IV
    III
    II
    I
    5
    4
    3
    2
    1
    +
    xxx
    xx
    x
.