Descrizione


Charetum intermediae Corillion ex Damska 1966 nom. mut. prop

Syn. : Charetum intermediae Krause et Lang in Oberd. 1977 ; Charetum intermedii Fijalkowski 1960 (art. 3b) ; Magnocharetum aculeolatae Corillion 1957.

Comunità piuttosto densa, di taglia elevata (h = 0.3-0.8 m), perenne, a sviluppo estivo, fisionomicamente simile al Magnocharetum hispidae, dominata da Chara intermedia (Chara aculeolata f. papillosa Migula = Chara papillosa Kützing). Colonizza acque calcaree permanenti (laghi, stagni in cave di ghiaia e ambienti perifluviali alimentati dalla falda freatica), mesotrofiche, neutre (pH = 6.8-7.8), molto mineralizzate (cond. > 300 µS/cm), da mediamente a molto ricche di calcio (Ca = 70-580 mg/l); su sabbie calcaree o argille ricche di calcio e di materia organica. Chara intermedia è simile morfologicamente a C. hispida, la tassonomia e l'ecologia devono ancorca essere precisate. L’associazione sembra sostituire il Magnocharetum hispidae in condizioni meno perturbate dai prosciugamenti, più profonde e meno eutrofiche e può constituire lo strato inferiore di comunità di elofite (Schoenoplectetum tabernaemontani, Schoenoplectetum lacustris, Typhetum angustifoliae). Coll.-mont.

. .

Lista delle specie


Frequenza / Dominanza Nome scientifico Nome italiano
V Chara intermedia A. Braun
II Chara hispida L.
II Chara vulgaris L.
  • Legenda
    cCH
    aF
    oCH
    oDi
    alCHd
    alCH
    alDi
    ssalCH
    ssalDi
    aCHd
    aCH
    aDi
    CH
    Di
    rCH
    hs
    w
    V
    IV
    III
    II
    I
    5
    4
    3
    2
    1
    +
    xxx
    xx
    x
.