Descrizione


Charetum strigosae Dambska 1966

Syn. : Charetum strigosae Krause 1969 (nom. nud., art. 2b) ; Charetum strigosae Krause et Lang in Oberd 1977 (art. 31).

Comunità boreale-alpina di taglia piccola (h = 0.05-0.25 m), dominata da Chara strigosa; è presente in Svizzera soprattutto nelle Alpi orientali, in forma generalmente monospecifica, e nel Giura, con la varietà endemica Chara strigosa var. longispina A. Br. (syn. Chara strigosa f. jurensis Hy), accompagnata da C. contraria, C. aspera o Tolypella glomerata. In acque lacustri, a debole profondità (da 1 a 6-7 m), oligo-mesotrofiche, fredde, mediamente o molto ricche di calcio (Ca = 50-250 mg/l); su substrato calcareo argilloso, limoso. In caso di eutrofizzazione è sostituita da comunità mesotrofiche (Nitellopsidetum obtusae, Charetum contrariae). Chara strigosa è considerata une reliquia glaciale; in Europa è distribuita in piccole stazioni molto disgiunte. (Coll.) Mont.-alp.

. .

Lista delle specie


Frequenza / Dominanza Nome scientifico Nome italiano
V Chara strigosa A. Br.
Chara strigosa A. Braun
III Alisma plantago-aquatica L.Mestolaccia comune
III Chara contraria (A. Braun) Kütz.
Chara contraria Kütz.
III Chara globularis Thuill.
III Eleocharis palustris aggr.Giunchina comune
III Lysimachia vulgaris L.Mazza d'oro comune
III Potamogeton natans L.Brasca comune
  • Legenda
    cCH
    aF
    oCH
    oDi
    alCHd
    alCH
    alDi
    ssalCH
    ssalDi
    aCHd
    aCH
    aDi
    CH
    Di
    rCH
    hs
    w
    V
    IV
    III
    II
    I
    5
    4
    3
    2
    1
    +
    xxx
    xx
    x
.