Descrizione


Nitelletum hyalinae Corillion 1949

Syn. : Nitelletum hyalinae Golub, Losev et Mirkin 1991 (art. 31).

Comunità densa poco elevata (h = 0.05-0.25 m), verde chiaro, dominata da Nitella hyalina (con foglie mucillaginose all'apice). Colonizza acque stagnanti chiare, oligo-mesotrofiche, neutre o leggermente (pH = 6.5-7.3) alcaline; su substrato limoso o sabbioso, poco calcareo. Comunità eliofila delle rive (fino a 1 m di profondità) di stagni o laghi sabbiosi sottoposte a un forte riscaldamento e che si seccano a fine estate. Grazie alla relativa tolleranza all'alcalinità può entrare in contatto con comunità delle acque alcaline (Magnocharetum tomentosae, Magnocharetum hispidae). Nitella hyalina è estinta in Svizzera: in passato colonizzava alcune stazioni sulle rive del Lago Lemano, del Lago Bodamico e del Lago di Zurigo. Ma è abbastanza frequente in Europa e in Asia (è cosmopolita), può quindi riapparire in Svizzera a seguito della creazione di biotopi favorevoli. Plan.-coll.

. .

Lista delle specie


Frequenza / Dominanza Nome scientifico Nome italiano
V Nitella hyalina (DC.) C. Agardh
II Chara braunii Gmelin
Chara braunii C. C. Gmel.
  • Legenda
    cCH
    aF
    oCH
    oDi
    alCHd
    alCH
    alDi
    ssalCH
    ssalDi
    aCHd
    aCH
    aDi
    CH
    Di
    rCH
    hs
    w
    V
    IV
    III
    II
    I
    5
    4
    3
    2
    1
    +
    xxx
    xx
    x
.