Descrizione


Charetea Fukarek ex Krausch 1964

Syn. : Charetea Fukarek 1961 (orig.) ; Charetea Fukarek ex Krausch 1964 ; Charetea fragilis Krausch ex Krause et Lang in Oberd. 1977 (corr. illeg., art. 40a) ; Charetea intermediae Fukarek 1961 ex Mucina et al. 2016.

Comunità monospecifiche o paucispecifiche di alghe a candelabro (Characeae) bentoniche, dominate dai generi Chara, Nitellopsis, Nitella e Tolypella, presenti in una grande varietà di biotopi (grandi laghi, stagni, ambienti perifluviali, paludi, pozze temporanee, fossi e ruscelli con debole corrente). Sono bioindicatrici di acque chiare, da oligotrofe a meso-eutrofiche (Ptot = 5-30 µg/l; Nmin = 0.1-0.7 mg/l). Possono svilupparsi in modalità pioniere e fugace in acque eutrofiche, da debolmente a fortemente alcaline e calcaree (Ca = 6-580 mg/l). Le specie vascolari sommerse (Myriophyllum spp., Potamogeton spp.) o emergenti (Typha spp., Scirpus spp.), sono talvolta presenti ma non dominanti. Colonizzano settori dove la competizione con le idrofite vascolari è contenuta (stadi pionieri) e formano comunità generalmente i) perenni e sterili, se le risorse di luce e temperatura sono limitate ma le condizioni idrologiche sono stabili, oppure ii) annuali e fertili, se le risorse di luce e temperatura sono sufficienti ma le condizioni idrologiche sono variabili. I letti annuali (che si sviluppano unicamente in anni favorevoli) hanno un carattere sovente fugace. Plan.-subalp. (alp.), più frequenti a bassa altitudine (< 700 m).

. .

Lista delle specie



NESSUNA INFORMAZIONE


.